Pubblicato in: Blog Tours, Books

Treachery of Water – Blog Tour

Good evening, my darling court, and welcome to Nomadia!

If you love nymphs, mermaids, libraries, hunters and ancient artifacts feel free to stay here with me for the entirety of this post, and you’ll discover a new world you wouldn’t want to leave. I’m talking about Angela J. Ford’s Treachery of Water, first volume in the Lore of Nomadia series,  which is perfect for fans of Ursula K. Le Guin, Jennifer L. Armentrout and Mercedes Lackey. I’m immensely grateful to MTMC Tours for giving me the chance to promote this book!

Before heading straight to my review, let me give you some technical info about the book:

Title: Treachery of Water
Series: Lore of Nomadia #1
Author: Angela J. Ford
Publication Date: July 11, 2021
Genres: Adult, Epic Fantasy Romance
Purchase a copy: Bookdepository, Indiebound, Blackwell’s, Barnes&Noble

Add it on Goodreads!

Plot:

International Bestselling author Angela J. Ford launches her brand new Lore of Nomadia series with Treachery of Water: the story of an alluring nymph, a curious librarian, a renowned hunter and a mad sorceress as they seek to save—or destroy—the empire of Nomadia.

Foul magic stirs in the depths of the sea where sirens are ruled by the whims of powerful water nymphs. But when fever sweeps the watery kingdoms, threatening to destroy the race of sirens forever, a new hero must rise.

Darya, a water nymph, is chosen to find a magical remedy to save her people. But the spell for the cure lies ashore in the Great Library of Nomadia. Forsaking the depths, Darya begins a desperate quest to save her home, her people and everything she loves. But her quest goes awry when she is captured by slave traders who bind her magic.

Nurimil is a legendary hunter known for his skills in procuring magical creatures and artifacts. Unfortunately, a bounty is on his head and he’s on the run with a risky plan to secure his own freedom. A plan that becomes twisted once he lays eyes on Darya.

Araceli the Faun works in the capital city of Nomadia as a librarian. When traveling mages leave behind a mysterious tome she becomes obsessed with it. As she unravels the secrets of the book, it shows her how to summon a dark and devious jinn.

As Darya, Nurimil and Araceli wrestle with their own endeavors, they will soon discover they have the potential to sway the fate of Nomadia. For unrest plagues the empire of Nomadia. A darkness rises, fueled by a cruel sorceress with a hideous desire to throttle magic and rule all races with an iron fist.

Set in an immersive fantasy world with diverse creatures, twisted sorcery, powerful friendships and passionate romance, this series will delight fans of classic epic fantasy including Lord of the Rings, Mercedes Lackey and Ursula K. Le Guin.

About the author:

Angela J. Ford is a bestselling epic fantasy author who has sold over 30,000 copies and has had over 10 million page reads in Kindle Unlimited. Her books have been ranked bestsellers in multiple categories.
She enjoys traveling, hiking, and playing World of Warcraft with her husband. First and foremost, Angela is a reader and can often be found with her nose in a book.
Aside from writing she enjoys the challenge of working with marketing technology and builds websites for authors.
Angela is passionate about helping indie authors succeed and runs a community and podcast called Indie Author Lifestyle.
If you happen to be in Nashville, you’ll most likely find her at a local coffee shop, enjoying a white chocolate mocha and furiously working on her next book.

Website , Instagram, Goodreads, Twitter

My creative blog post:

For such an immersive book, I couldn’t help but choose to create a playlist! I hope you’ll enjoy listening to these songs I picked to enrich your reading experience. Here they are:

My review:

This was such a lovely story!
When I got the email from MTMC Tours presenting this book, I had never heard of it. So I read the plot…and suddenly felt captivated by it. Merfolk? Huge libraries? Magic and artifacts ALL IN ONE BOOK? I must be dreaming!
It’s been such a long time since I read about fawns and nymphs, and oh how much I missed it.

Set in a fantasy world inhabited by nymphs, fawns, mages and hunters, Treachery of Water managed to take me back to my first fantasy reading experiences. It was such a feel-good book, and I loved its atmospheres and the coming of age of its characters.

Angela J. Ford’s writing style is simple and clear, so the story was easy to follow, and the shortness of the chapters made it even more fast-paced and entertaining.

I loved the way important messages were conveyed throughout the book: the theme of discrimination is an important one in Araceli’s storyline, and I found her character very inspiring. Did I mention that her journey was my favorite?

Treachery of Water is the perfect choice if you’re looking for an adventure to get lost into, or if you’re searching for your next comfort fantasy world.

Giveaway info:

Due to legal reasons (being an Italian resident) I cannot co-host a giveaway, but don’t miss your chance to win your choice of either the paperback or hardcover edition of Treachery of Water! Head over MTMC Tours on Instagram to find out more!


Another tour stop comes to an end. I hope you enjoyed visiting the world of Nomadia with me, and I hope to find you soon on my Instagram court, where I’m just about to post a Treachery of Water themed picture!

With much love to MTMC Tours for this opportunity (+ for the #gifted copy) and for you, my reader,

See you on our next adventure!

Debs

Pubblicato in: Blog Tours, Books

To Bleed a Crystal Bloom – Blog Tour.

Good day to you, my sweet court. Long time no see!
But we gather only for the most special occasions, don’t we?

And today I’m here to present a twisty, dark and delightfully intoxicating book that I’m helping promote thanks to Turn The Page tours.
I’m talking about Sarah A. Parker’s To Bleed a Crystal Bloom, an adult romance reimagining of Rapunzel!

Here are some more specific book info for you:

TITLE: To Bleed a Crystal Bloom

AUTHOR: Sarah A. Parker
PUBLISHER: Self-Published
RELEASE DATE: July 24th, 2021

GENRES: Adult Fiction—Dark Fantasy, Romance, Retellings > Rapunzel
BUY LINK: Amazon

Plot:

“What a pretty flower to keep locked in a big, rocky tower.”

Nineteen years ago, I was plucked from the heart of a bloody massacre that spared nobody else.

Small. Fragile.

An enigma.

Now ward to a powerful High Master who knows too much and says too little, I lead a simple life, never straying from the confines of an imaginary line I’ve drawn around the castle grounds.

Stay within. Never leave.

Out there, the monsters lurk. Inside, I’m safe … though at a cost far greater than the blood I drip into a goblet daily.

Toxic, unreciprocated love for a man who’s utterly unavailable.

My savior. My protector.

My almost executioner.

I can’t help but be enamored with the arcane man who holds the power to pull my roots from the ground.

When voracious beasts spill across the land and threaten to fray the fabric of my tailored existence, the petals of reality will peel back to reveal an ugly truth. But in a castle puddled with secrets, none are greater than the one I’ve kept from myself.

No tower is tall enough to protect me from the horror that tore my life to shreds.

To Bleed a Crystal Bloom is a dark Rapunzel reimagining full of immersive imagery and breathtaking angst. A unique new fantasy series perfect for fans of Sarah J. Maas and Jennifer L. Armentrout, guaranteed to grip you from the very first page.

About the author:

Sarah is an international bestselling author who also writes under the pen name S.A. Parker.

She lives in Australia with her husband and children, and spends her days with her nose in a book or her mind in a world of her own creation.

Her genre of choice is epic fantasy romance, and she thrives off dreaming up complex characters and immersive worlds to get lost amongst.

My favorite quotes from the book

This first-person perspective novel struck me for its lyrical prose. Here are some quotes that I particularly loved:

Words won’t ease her pain or stop her flesh from rotting–won’t restart the night and bring her family back–so I hold them in, letting them scour my insides and fuel that pit of venomous rage waiting to unleash.

The prologue of this book (the first in a series) really sets the pace for an intriguing plot! Here we meet Rhordyn, out co-protagonist.

Her wide eyes are aglitter with thousands of facets, as if she’s staring out from a sky full of stars that hatched in her soul. Her chin wobbles. Patches of that crystal dome begin to melt, dripping to the ground as the overwhelming scent of her anguish strikes the back of my throat like a blade.

I love, love, love this choice of words and all the imagery they convey!

Why does he need it? What does he use it for? Does he like this … thing between us? Because I do. I look forward to it; deflate when the moment passes . Lose myself to fantasies about it far too often— ones where I watch him drink me from that crystal goblet, holding his stare the entire time.

And that’s Orlaith, our female protagonist. Her voice is discomforting, because she’s a fragile thing in the hands of a powerful creature. I loved exploring her ingenuity, and I’m expecting much from her journey.

He’s beautiful. Heartbreakingly so. And it’s my turn for words to be caught behind my teeth. I blink a few times, severing my sight of him in a gentle way. Because I deserve gentle. I deserve gentle when this man is so boldly destroying me.

This quote says much about the power imbalance between the two. “Because I deserve gentle”. How important is to underline that?

“What I want, what I need, and what is right are three entirely different things.”

Speaking truths!

She’s the sun and the soil and light that bathes the world on a beautiful day. She’s broken, lonely, and hiding from her past.

Again, such a beautiful choice of words.

Giveaway info

As you probably know, I’m based in Italy so I’m not legally allowed to host giveaways, but my wonderful co-hosts are hosting an amazing one. Check out the welcome post on Turn The Page Tours’ website for more info!


And today’s adventure comes to an end. I hope you enjoyed visiting this magical world with me, and I hope to see you around soon!

With love and fangirling squeaks,

Debs.

Pubblicato in: #ArcAdventures, Books, Reviews

Perfect on Paper – #ArcAdventures

Welcome, welcome, welcome to Caraval to the first #ArcAdventure review of 2021!

If you don’t know what I’m talking about, #ArcAdventures is the column in which I review little gems I read in advance, recommending my favorite ones to you.

Today I’m so glad to be reviewing a book by an author we already had the chance to talk about in another #ArcAdventures episode, Sophie Gonzales! Her latest YA novel, Perfect on Paper, was released some days ago, and has already conquered my heart. I’ve had the chance to read an e-arc of Perfect on Paper via Edelweiss+, and I’m so grateful to the publisher for granting me this opportunity. But before we enter the feels area, here are some more technical info about the book.

Title: Perfect on Paper
Author: Sophie Gonzales
Publication Date: March 9, 2021
Publishing House: Wednesday Books
Page Count: 288
ISBN: 978-1444959277
Target: Young-adult
Genre: Contemporary, coming of age story, rom-com
Themes: romantic relationships, biphobia

The Plot:

A bisexual girl who gives anonymous love advice to her school friends is hired by the hot new kid to help him get his ex back. Leah on the Offbeat meets To All the Boys I’ve Loved Before – the new queer YA rom-com from Sophie Gonzales.

Her advice, spot on. Her love life, way off.
Darcy Phillips:
• Can give you the solution to any of your relationship woes―for a fee.
• Uses her power for good. Most of the time.
• Really cannot stand Alexander Brougham.
• Has maybe not the best judgement when it comes to her best friend, Brooke…who is in love with someone else.
• Does not appreciate being blackmailed.

But when Brougham catches Darcy in the act of collecting letters from locker 89 – out of which she’s been running her questionably legal, anonymous relationship advice service – that’s exactly what happens. In exchange for keeping her secret, Darcy begrudgingly agrees to become his personal dating coach. The goal? To help him win his ex-girlfriend back.

Darcy has good reason to keep her identity secret. If word gets out that she’s behind the locker, some things she’s not proud of will come to light, and there’s a good chance Brooke will never speak to her again.

Okay, so all she has to do is help an entitled, bratty, (annoyingly hot) guy win over a girl who’s already fallen for him once? What could possibly go wrong?

About the author:

SOPHIE GONZALES is a YA contemporary author. She graduated from the University of Adelaide and lives in Melbourne, Australia. When she isn’t writing, she can be found ice skating, performing in musical theatre, and practicing the piano.


My Review:

Perfect on Paper surprised me for the simple but wise way in which it educates the reader on important themes, and confirmed me that Sophie Gonzales is one of the best voices in the YA panorama, and that a 25 years old has still many things to learn from YA.
This book starts off as super cliché… Until it isn’t anymore, and you start to realize that maybe it never was. One thing I love about Sophie Gonzales’ writing is her ability to make something original and profound out of the most basic trope. She writes YA, so her books are mostly entertaining, but they also manage to make you reflect upon certain dynamics, and you find yourself crying while you’re laughing.

Through the means of Darcy’s Locker89, Gonzales finds the most entertaining yet powerful way of giving real relationships advice from the pen of an author who was once a therapist. I found out so many things about attachment styles thanks to this book, that I really feel enriched as a person now! And the way biphobia is portrayed… I never happened to think of it that way before, and this says everything.

Darcy and Brougham are exactly the typical YA characters, until they’re not: you have an idea of them at the beginning of the book that’s just completely different from who they actually are. I especially appreciated the realistic portrayal of the protagonist: Darcy makes mistakes out of jealousy, Darcy is prejudiced, even if she is presented as an open-minded protagonist. As the title suggests, she’s not as perfect as she wishes to be, but we love her exactly for this reason.
And then there’s Brougham, who is the perfect example of how appreareces and clichés can be deceiving. Gonzales’ attention to diversity is ever so delicate and impeccable, and she never fails to give a new perspective on how you consider things without being too didactic.

And the shipping levels are HIGH, you guys! I had totally underestimated the power of this ship. These two are THE CUTEST and they have one hell of a chemistry! But above all, I super loved how they went from total strangers with cliché scenes, to the most awkward, improbable friendship, to 🔥🔥🔥! And they work! They work so well and complete each other in the purest and most unproblematic way, even though you would definitely doubt that at the beginning. I loved every second of this surprising story: the laughs, the drama, the good vibes it gave me, the message, the longing stares between the MCs and the perfectly-handled misunderstandings. It was everything I wanted and some more.

She did it again: again, I only wanted to be entertained by her book, and again, I laughed out loud, but I also came out of it deeply enriched. I wished to never leave that story, and at the end, I wanted to hug the same characters I wished to punch in chapter 1.

If this is the future of YA, then I can’t wait to read further!


And that’s all for today’s review! Stay tuned for my Instagram post, and I’ll see you on our next #ArcAdventure!

Pubblicato in: Books, Reviews

La corte di fiamme e argento – Review Party

Buongiornissimo alla mia cara corte — una corte che oggi si veste di fiamme e argento per un’occasione che i fan di Sarah J. Maas aspettano da ben tre anni: ebbene sì, l’ultimo libro dell’autrice americana è finalmente sugli scaffali. Per accoglierlo, sono stata invitata dalla dolcissima Silvia a partecipare a questo Review Party, per cui non dimenticate di passare dalle mie colleghe! Vi lascio qui il calendario:

La corte di fiamme e argento, quarto volume della serie fantasy/romance A Court of Thorns and Roses, è uscito negli USA il 16 febbraio e ieri in Italia, ma già sta provocando accese discussioni in rete. Per questo motivo inizierei con un disclaimer.

Il clima in questi giorni nella book community è davvero negativo: gente che scrive messaggi di odio nei confronti della Maas, gente che la difende ciecamente, e gente che continua a giustificarsi perché ha apprezzato il romanzo. Io vi avverto: la mia recensione comprenderà sia pareri positivi che negativi riguardo questo libro, perché ci sono state scene che mi hanno fatto scendere la lacrimuccia, ma anche scelte per cui non sono proprio riuscita a perdonare l’autrice. Devo essere sincera: scrivere questa recensione in un clima del genere è stato estenuante, e mi ha portata a procrastinare fino all’ultimo. Da una parte perché avrei voluto tanto essere più entusiasta per questa uscita, e dall’altra per la paura che le mie stesse opinioni non vengano comprese. Sogno una community in cui nessuno debba giustificarsi o sentirsi in colpa, che il libro sia piaciuto o meno. In cui si possano evidenziare i difetti di un romanzo senza avere paura di essere “cacciati dalla chat”, e in cui si possa apprezzare un libro come ACOSF senza doversi continuamente sentir dire che si sta leggendo spazzatura, o che alcuni libri valgono più di altri, che l’opinione di qualcuno vale più di quella degli altri. Non è così che funziona. Come ha scritto @ahopeisjustadream nelle sue stories, “Non esiste un libro che non ha un tema di fondo o una cosa importante da dire”, qualcosa che magari per qualcuno in quel momento può significare tanto. E sono sicura anche che esistono libri considerati più “alti” che sono stati stroncati dalla critica.

Io, dal canto mio, per anni sono stata parte del gruppo che non vedeva difetti nella Maas, e se ne vedeva, era pronta a giustificarli. Sono passati tre anni, e mi duole ammettere che non è più così, ma non per questo rinnego il mio amore per i libri precedenti (sì, a me era piaciuto persino ACOFAS, odiato da tutti) o inizio ad odiare l’autrice — al massimo riconosco i loro difetti pur rimanendo della mia opinione. Tutto questo per dire: leggete, fatevi un’opinione su ciò che state leggendo, esprimetela in modo rispettoso e senza farvi problemi, né farvi condizionare. E soprattutto: let’s be più aperti al dialogo senza sentirci di far parte di fazioni diverse con opinioni irremovibili, bianco e nero, costantemente in lotta.

Detto questo — e direi che mi sono dilungata pure troppo! — io andrei a mostrarvi i dettagli della nostra edizione italiana.

Info sull’edizione:

Titolo: La corte di fiamme e argento
Autrice: Sarah J. Maas
Casa editrice: Mondadori
Data di uscita: 23 febbraio 2021
Genere: Fantasy, romance
Target: Adult
Numero di pagine: 720
ISBN: 978-8804732327
Acquista qui: ibs


Trama:

[Attenzione: da questo momento l’articolo potrebbe contenere alcuni SPOILER dei volumi precedenti]

Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso tempo evidente la natura del focoso legame che, loro malgrado, li unisce. Nel frattempo, le quattro infide regine, che durante l’ultima guerra si erano rifugiate sul Continente, hanno siglato una nuova e pericolosa alleanza, una grave minaccia alla pace stabilita tra i regni. E la chiave per arrestare le loro mire potrebbe risiedere nella capacità di Cassian e Nesta di affrontare una volta per tutte il loro passato. Sullo sfondo di un mondo marchiato dalla guerra e afflitto dall’incertezza, i due Fae tenteranno di venire a patti con i loro personali mostri, con la certezza di trovare, l’uno nell’altra, quel qualcuno che li accetta così come sono e che li può aiutare a lenire tutte le ferite.


La mia recensione:

Chi mi conosce, sa quanto affetto io provi per questa storia. Più volte Sarah J. Maas è stata per me non solo ottimo intrattenimento, ma anche posto sicuro, garanzia di emozioni e di momenti catartici: ricorderò sempre col sorriso quell’estate del 2018 in cui lessi i primi tre romanzi della serie in tempi record per i miei standard, e spinta dalla voglia di condividere i miei pensieri con qualcuno creai l’account Instagram il cui nome fu parzialmente un omaggio alle emozioni che la Maas mi aveva fatto provare, e agli amici che avevo incontrato grazie a quella storia. I romanzi di ACOTAR, così come la saga di Throne of Glass qualche mese più tardi, sono stati importantissimi per me e mi hanno aiutato tanto in momenti in cui ne avevo bisogno.

Flashforward a gennaio 2021 — tante letture, tante esperienze, tanto tempo per crearsi aspettative, tante riflessioni e un cambio di target della saga dopo — quando mi arriva una proposta di quelle che una volta ogni tanto ti fanno urlare dalla gioia al pensiero di essere una book influencer: “ti va di leggere il nuovo libro della Maas in anteprima mondiale?” e tu sei tipo: E ME LO CHIEDI PURE? Il compromesso però, sarebbe stato leggerlo in italiano, dopo aver letto i volumi precedenti in inglese: sfida accettata.

A Court of Silver Flames parte esattamente dove la novella A Court of Frost and Starlight ci lascia: con una Nesta messa alle strette, costretta ad abbandonare lo stile di vita che tanto faceva preoccupare sua sorella Feyre. Nesta parte quindi per la Casa del Vento accompagnata dal caro Cassian, ed è qui che partirà una storia di rabbia, fragilità, intrighi, amicizia e drammi familiari.

Da sempre penso che le due sorelle di Feyre siano personaggi profondamente incompresi e parecchio interessanti. Nesta, con la sua sfrontatezza e il suo sguardo gelido, già da tempo mi faceva pensare che ci fosse di più dietro alla sua antipatia di facciata… Questo libro ne è stato la conferma, e il suo viaggio emoziona già dalla dedica in prima pagina, che recita: “A ogni Nesta là fuori, scalate la montagna.”

Riponevo grandissime speranze dunque in questo volume, nonostante la mia ferma convinzione che qualcosa si sia perso nella scrittura della Maas da quando è passata al target adult (ricorderete bene la mia delusione riguardo La Casa di Terra e Sangue). Di una cosa ero comunque certa: che anche solo ritrovare i miei personaggi del cuore mi avrebbe resa felice. Potrete quindi immaginare la mia faccia quando, tutta sorridente, mi precipito a leggere i primi capitoli del libro e il primo impatto con uno dei miei personaggi preferiti mi fa venir voglia di tirargli qualcosa contro–ma di questo parleremo meglio dopo.

In sostanza, i primissimi capitoli de La Corte di Fiamme e Argento sono stati per me incredibilmente irritanti, non esattamente l’esperienza che mi aspettavo: tra momenti di panico perché le scene non coincidono perfettamente col finale di ACOFAS, una traduzione italiana che non sempre rende quanto vorremmo, eventi che speravo di veder approfonditi risolti off-camera, e i personaggi… Tutti insopportabili, non se ne salvava uno. Ma qui è probabilmente anche colpa mia: avrei dovuto prevedere che il punto di vista di Nesta avrebbe portato con sé una nuova prospettiva degli eventi. E anche io, in questi anni, sono diventata un po’ più razionale. Però nemmeno Nesta inizialmente sfugge alla mia ira: il suo carattere dispettoso è portato all’esasperazione, tanto da farla sembrare una bambina di due anni che fa i capricci. Grazie al cielo pian piano le cose migliorano, e almeno Nesta regala gioie. Ma adesso procederei andando per gradi e analizzando ogni aspetto del romanzo singolarmente, così da dare un minimo di ordine al caos che regna nella mia mente.

LO STILE E LA TRADUZIONE:

Sono cresciuta io o è tutto eccessivamente drammatico?” Questo è stato uno dei miei pensieri sullo stile e sulle scelte narrative della Maas. Nulla da condannare, eh, ma è un pensiero che mi ha fatto sorridere. Questo è forse l’episodio della saga in cui lo stile è più portato a quella drammaticità esasperata che è tipica della scrittura della Maas. Sì, ci sono ancora tante ripetizioni. No, a me non danno molto fastidio, ma sapete cosa? In inglese rendono molto meglio. La traduzione italiana a tratti mi ha sorpreso positivamente, ma il più delle volte ha penalizzato il testo, rendendo alcune frasi quasi ridicole o incomprensibili. Per l’ennesima volta in un romanzo della Maas, si potevano fare scelte lessicali molto più pensate, e a me dispiace, perché come al solito ci sono autori per cui si investe di più e autori per cui si investe di meno (vedi anche la copertina).

LA TRAMA:

La trama di A Court of Silver Flames non è da bocciare, presenta sicuramente degli spunti interessanti: intrighi politici che tengono il lettore col fiato sospeso, una ship che fa sorridere, un viaggio interiore molto bello per la nostra protagonista, drammoni familiari e un’amicizia che scalda il cuore. Ciò che rimprovero alla Maas in questo libro (come in Crescent City) è l’utilizzo dei suoi soliti schemi, che, arrivati all’ennesimo romanzo, iniziano a sembrare ripetitivi: odio-amore tra i protagonisti, lui che allena lei, un patto, oggetti magici da ritrovare, e altri che però sono spoiler. Insomma, se consideriamo questo e il richiamo a due grandi classici della letteratura fantasy YA dei primi anni 2000, di “nuovo” non c’è granché. Volete un parere sincero? Secondo me in questo libro succede tutto e niente. L’aspetto che però mi è piaciuto di più — e che mi ha sorpreso — in questo romanzo, è il tema dell’amicizia e della solidarietà femminile. Quella tra Nesta, Gwyn ed Emerie è un’amicizia diversa da qualsiasi altra contenuta nei libri della Maas: nasce e si sviluppa attorno alle fragilità e alle sfide quotidiane piuttosto che attorno a gesta eroiche, tra personaggi così lontani eppure così vicini. Diverse sono le parti in cui mi sono emozionata con e per queste ragazze, e per i loro progressi che tante volte sono stati anche i miei. Abbiamo quindi due storyline principali: quella delle ragazze e quella che riguarda l’Inner Circle e più generalmente tutta Prythian. Quest’ultima mi è sembrata molto più debole, prevedibile, in parte conveniente, con qualche incongruenza (tipo la gente che ha le ferite gravi guarisce, ma poi si soffre di post sbornia, e di vertigini sulle scale e si hanno le allergie, ma queste cose fanno sorridere e su di esse si può pure chiudere un occhio), un po’ campata in aria e piena di buchi di trama — insomma, un po’ come le serie tv arrivate alla quinta stagione, i cui autori non sanno più cosa inventarsi. La Maas liquida le problematiche introdotte negli eventi di A Court Of Frost and Starlight, ne introduce di nuove che si riallacciano al terzo volume della trilogia, ma è come se nel farlo si arrampicasse costantemente sugli specchi per spiegare i meccanismi della sua stessa storia. La villain mi è sembrata molto debole, il world-building esteso a piacimento, le leggi del mondo cambiate da un momento all’altro per spiegare questa o quella cosa che non torna. Ah, e comunque c’è del fanservice. Un sacco di fanservice. Più fanservice di quanto mi aspettassi. Tra un’avventura e l’altra però, questo romanzo si fa leggere e riesce ad intrattenere: dire che non mi era mancato essere a Prythian sarebbe una menzogna. E come al solito dei suoi libri, si poteva fare a meno di qualche scena hot a favore di un finale meno frettoloso. Ma parliamo proprio del romance.

IL ROMANCE:

Qui c’è tanto da dire. Inizio dicendo che no, non mi scandalizzo per le scene più esplicite introdotte dal cambio di target da young-adult ad adult. Io poi sono tra quella piccola categoria di persone a cui scene del genere non hanno dato alcun fastidio in A Court Of Wings and Ruin e in A Court Of Frost and Starlight. Qui però… Quello che mi è mancato, che per me è imprescindible in qualsiasi romance, è la costruzione di un rapporto. È il dialogo, sono i momenti di complicità, i momenti di corteggiamento che tanto mi piacevano nella Feysand, i battibecchi, l’amicizia prima dell’amore. La Nessian è una coppia molto più wild, che arriva direttamente al punto, che si stuzzica in modo molto meno elegante — e, considerando la natura dei personaggi, ci sta pure. Non condanno questa caratteristica della coppia, mi chiedo solo perché focalizzarsi quasi solo su quello e rinunciare a momenti di dialogo che in alcune scene per me sarebbero stati più efficaci, soprattutto all’inizio. Secondo me il desiderio dell’autrice di fiondarsi nell’erotica l’ha portata a scrivere battute spinte anche in scene in cui stridono col contesto (ancora sento l’imbarazzo per quella scena forzatissima a colazione con Azriel, o quella nella Prigione con il mostro. Perché? Ce n’era davvero bisogno? E persino qualcosa nella storia e in qualche battuta che riguarda Gwyn mi è sembrato leggermente irrispettoso) o in cui si poteva semplicemente evitare (avevamo davvero bisogno di sapere che la Feysand l’ha fatto sul pavimento, nel mezzo della scena tenera contenuta nel loro capitolo bonus? A che serve? Ma così, proprio random). Di scene emozionanti la Nessian ne ha — tra le mie preferite quella dell’escursione super catartica sui monti Illyrian e quella del Solstizio — e in realtà ricalca molto le dinamiche di A Court Of Mist and Fury, ma per me non batte la Feysand della trilogia con i suoi momenti di angst costruiti molto meglio, e a volte mi sono anche ritrovata a pensare che forse per me la Nessian ha avuto momenti migliori nei libri precedenti, da non-protagonisti (ma vogliamo parlare della scena in guerra? It still lives rent-free in my head). Però oh, questione di gusti: a me Cassian non ha mai fatto impazzire come tipo di uomo, anche se ne riconosco l’infinita dolcezza. E adesso passiamo allo sproloquio sui personaggi.

I PERSONAGGI:

Nesta, la mia cara, meravigliosa guerriera: ero certa che avrebbe avuto tanto da raccontarci, e che le cose non stavano proprio come si intravedeva dal racconto di Feyre: ho amato questo gioco di prospettive, questo cambio dei fatti a seconda di chi li racconta — l’ho trovato super realistico. E Nesta ha finalmente detto la sua in questo libro, come spero farà anche presto Elain. Ci avrei scommesso che dietro allo scudo e alla cattiveria di facciata di Nesta c’erano traumi che sarebbero stati interessantissimi da esplorare, e così è stato: la psicologia di questa protagonista è complessa, e riesce ad emozionare pagina dopo pagina. I suoi “daddy issues” sono quelli di tanti di noi, e mi ha fatto sorridere pensare come spesso il personaggio che sembra più fantastico abbia i problemi più vicini ai nostri: alla fine Nesta è solo una ragazza che non riesce a perdonarsi e a superare i traumi vissuti in famiglia, che cerca di apparire tutta d’un pezzo perché non sa cosa succederà se un giorno dovesse esplodere.

Nesta non è perfetta come spesso viene raffigurato l’Inner Circle: la sua testa non le dà pace. Vuole fuggire, vuole prendere a schiaffi il mondo, vuole ferire perché è questo che Nesta pensa di saper fare meglio. E quindi ogni giorno si confronta con i diecimila scalini della Casa del Vento, sfida impossibile e unica via di uscita, perfetta metafora del percorso tortuoso che ci porta a stare meglio, ma che non è mai facile, perché si sa, “everything you want is on the other side of fear”, ma è sempre incredibilmente difficile imparare ad affrontare i propri demoni.

Mi è piaciuto tanto vederla alle prese con la solitudine di una casa sfarzosa che, nel silenzio assordante di una vita che lei non ha chiesto di vivere, si trasforma in una sua amica. Ed è bellissimo che in contrasto a questa solitudine assordante ci sia il tema dell’amicizia–non quella con le sorelle o con l’Inner Circle che sarebbe stata più facile da intuire, ma quella con due sconosciute, con due personaggi nuovi che Nesta incontra durante il suo viaggio, e che ci mostrano un lato di lei che non avevamo notato bene prima: quello che ci tiene ad aiutare la gente in difficoltà, che vorrebbe creare un’intera legione femminile per aiutare le ragazze ad affrontare i loro traumi. Quindi niente, ho AMATO Nesta, queen assoluta con una storia profonda proprio come mi aspettavo. Tra l’altro in questo volume, grazie a dei flashback di infanzia, ci vengono anche spiegati i motivi che si nascondono dietro alla fredda distanza tra le tre sorelle (soprattutto Nesta e Feyre) così da avere un quadro più completo della loro vita da umane: ho adorato, soprattutto perché molte cose acquisiscono un senso e Nesta mi ha ricordato tantissimo l’Angelica Schuyler di Satisfied in Hamilton.

Cassian, d’altro canto (secondo me, e soprattutto se confrontato con Nesta o con i precedenti) non ha la stoffa del protagonista: insipido, noioso, con poca personalità e assoggettato al Signore Supremo in un modo che mi ha fatto innervosire più di una volta: capisco la fedeltà, ma anche basta col ritornello “vorrei una vita come la sua, una moglie come la sua, una casa come la sua” e “Nesta, dovresti ringraziare la magnanimità di Rhysand e Feyre se esisti” (no, non sono citazioni vere, ma quasi). La sua mancanza di autostima mi inteneriva e mi innervosiva allo stesso tempo, perché contribuiva ad alimentare quella che io chiamo la narrazione Feysand-centrica, che mi ha portato quasi ad odiare la mia coppia preferita della serie. Sì, ho adorato i suoi momenti da eroe dal cuore d’oro e cuore di panna dolcissimo che farebbe di tutto per le persone che ama, e meno male che c’era lui per Nesta e a difendere Nesta, ma il più delle volte in questo volume traspare di lui l’immagine di un idiota che non sa fare quello che in realtà fa da 500 anni (mi state dicendo che è un generale ma non sa usare un po’ di strategia in politica?) o di un cavernicolo, e Cassian merita più di questo. Per questa ragione forse lo preferivo di più come spalla. Ah e comunque: big Thor energy.

Il resto dell’Inner Circle è stato volutamente irritante, o almeno, tutti tranne Az a cui devo un grande GRAZIE DI ESISTERE E DI ESSERE CERTEZZA: Amren fa discorsi che se la Maas dovesse mai mettere in pratica probabilmente finirei per buttare il libro dalla finestra (però almeno le scene di drama che la riguardavano mi hanno fatto volare altissimo e tenuta sulle spine più degli intrighi politici), Feyre è relegata allo spessore della figurina di un santino (e non ho scelto l’immagine a caso, dato che lei è perfetta e magnanima e sta peggio di tutti, poverina. Ad un certo punto la voce di Feyre nella mia testa è diventata quella della doppiatrice di Bella Swan, e questa cosa mi faceva ridere da sola), Mor è costantemente assente probabilmente perché dopo lo strafalcione di ACOWAR la Maas non sa più come gestirla. E Rhys… Ho solo due parole per Rhys in questo libro, e le ruberò al mio amico Daniele:

CHI È COSTUI? DOVE HA LASCIATO IL PERSONAGGIO CHE RICORDAVO? E soprattutto: PERCHÉ MI FA VENIR VOGLIA DI PRENDERLO A PADELLATE UNA SCENA SÌ E L’ALTRA PURE? E PERCHÉ I SUOI COMPORTAMENTI SONO GIUSTIFICABILI MA QUELLI DI TAMLIN NON LO ERANO?

Ok, riprendo fiato e mi calmo, ma sappiate che il mio primo impatto con Rhys in questo libro può essere immaginato come una persona che corre ad abbracciare un amico, e si ritrova davanti una persona nuova. Che poi, in realtà Rhys è sempre stato così, ma un po’ il punto di vista di Nesta accentua i lati più discutibili del suo carattere, un po’ io sono cresciuta, e c’è da dire che un po’ l’autrice ha anche cambiato rotta. Ed è così che mi sono ritrovata “disinnamorata” dell’High Lord che aveva rubato il mio cuore qualche anno fa. Rhys in questo libro, almeno nei primi capitoli, mi è sembrato come quei trentenni che si rendono conto di star invecchiando ma cercano in tutti i modi di stare al passo con la moda, magari con qualche battutina di dubbio gusto, fallendo miseramente. Grazie al cielo qualche scena carina l’ha avuta, ho adorato il suo lato ansioso che lo rende molto umano, e sul finale si riprende completamente.

Ma cosa che non ho sopportato dell’Inner Circle è questa improvvisa voglia di mettere ai voti le vite delle sorelle Archeron e trattarle come se fossero incapaci di intendere e di volere.

Solo Azriel ed Elain sfuggono alla mia ira: Elain ha persino avuto i suoi cinque minuti di gloria in cui le avrei fatto volentieri un applauso. Non capisco tutto questo astio per un personaggio a cui non è mai stato dato il tempo e lo spazio di brillare, e che, così come Nesta, possiede tutto il potenziale per essere rivalutata mediante un libro suo. Tra l’altro io sono dell’idea che spesso sono gli altri personaggi a trattare lei come se fosse scema, sottovalutandola, e che lei stia cominciando a stufarsi di ciò e non veda l’ora di provare il contrario.

Azriel cuore di mamma, tu l’unico che ho continuato ad amare solo di più, tu che mandi a quel paese tutti perché non ne puoi più come me della casa dei Ferragnez, balia del mio cuore, io lo so che verrai rovinato anche tu nel prossimo libro, ma grazie per essere stato il personaggio con più neuroni in questo libro. Scherzi a parte, da Azriel mi aspettavo che comparisse molto di più, e che avesse più scene con Nesta (avrei tanto voluto vedere la costruzione della loro amicizia, però nella scena del Solstice ho PIANTO) ma almeno lui nel corso del romanzo rimane abbastanza coerente, e sempre più interessante. Il suo capitolo bonus (tanto atteso) secondo me ha rivelato in 11 pagine una personalità più interessante di quella che ha Cassian nel suo intero libro, introduce però un altro problema: adesso che la Maas si è messa in testa di inserirci un numero spropositato di scene erotiche, si trasformeranno tutti nella stessa sagoma in nome dello scopo più grande di regalarci scene hot? Spero di no, ma ormai ho poche speranze. In realtà la sua scena bonus apre una crisi esistenziale che va oltre le scene erotiche, tanto da far partire sin dai primi giorni dopo l’uscita una ship war di quelle che non si vedono dai tempi di Glee. Io sto cercando di razionalizzare l’ultima azione di Azriel collegandola al suo carattere impulsivo, ma sono combattuta. Però credo anche che tutto ciò sia estremamente interessante. Potrebbe diventare anche estremamente problematico, ma a questo penseremo quando arriverà il turno del suo libro.

Per quanto riguarda i personaggi nuovi, ho adorato Gwyn: irriverente, spiritosa e grintosa nonostante tutto il male che la vita le abbia buttato addosso. Le scene con lei (e più in generale le scene in biblioteca) mi hanno fatto sorridere e scaldato il cuore, ricordandomi quanto siano preziosi quegli amici che sono sempre pronti a stare al nostro fianco e tirarci su. Secondo me ha del potenziale, anche se ho paura di cosa potrebbe combinare la Maas, dato che SI TRATTA DI UNA SACERDOTESSA, SARAH. CHE HA SUBÌTO DEI TRAUMI. FACCIAMOLA COMPORTARE BENE, GRAZIE.

Se Gwyn è l’amica peperina, Emerie è la confidente sempre pronta ad ascoltarti e ad accoglierti in casa sua: forse di lei avrei voluto vedere di più, l’ho trovata un po’ più piatta rispetto a Gwyn.

Eris speravo che fosse più presente e che mettesse più i bastoni tra le ruote, ma il fatto che sia un personaggio ancora enigmatico mi piace. Secondo me c’è molto di più da svelare su di lui. Helion invece un’icona di stile, ho amato rivederlo.

E adesso è il turno di affrontare un tasto dolente, una delle scelte più disastrose compiute dalla Maas, una delle cose per cui non sono proprio riuscita a chiudere un occhio. Signor*, let me show you la mia teoria:

LA VISIONE FEYSAND-CENTRICA

Aka uno dei due grandi problemi di questo libro. Perché è vero che la Maas è stata brava a diversificare la prospettiva degli eventi tra le due sorelle, ma è anche vero che fallisce miseramente ogni volta (e sono tante) in cui l’attenzione viene spostata sulla coppia della prima trilogia, quando questa non solo ha avuto i suoi momenti di gloria nella sua storia e ancora spazio nella novella, ma si aggiudica anche un capitolo bonus nell’edizione speciale di ACOSF. Io parlo da fan della Feysand: loro sono stati forse la coppia che ho più shippato nella mia intera vita, ma quando è troppo è troppo, e questo è il libro Nessian. Io mi aspettavo che facessero qualche apparizione, mi aspettavo tanto family drama e un bel confronto acceso tra Nesta e Feyre (che non sono sicura di aver ricevuto), ma la loro presenza costante in questo libro sottolinea l’incapacità della Maas di lasciarsi alle spalle i suoi preferiti. E non lo si nota soltanto dal loro “screen time”, ma anche da questo costante ritornello di tutti che vorrebbero avere quello che hanno loro, e quanto sono belli, e quanto sono magnanimi (ad un certo punto, improvvisamente, sembra che anche agli occhi di Nesta i membri dell’inner Circle siano santi, e persino lei vuole essere come loro. Io capisco il character development, e anch’io volevo che trovasse il suo posto all’interno del gruppo… Ma quando è troppo è troppo), e Rhys potrebbe governare il mondo intero (SÌ, SONO QUESTE LE PAROLE DI AMREN CHE MI HANNO FATTO VENIR VOGLIA DI BRUCIARE LE FANART), e il dover essere grati per quello che fanno, il fatto che anche questi protagonisti odino Tamlin come se fossero incapaci di pensarla diversamente, o il fatto che Nesta debba addirittura meritarsi un dipinto da parte di Feyre. La Maas ha fatto una scelta importante per il personaggio di Feyre, e non posso dire esplicitamente quale per ragioni di spoiler, ma dobbiamo parlarne. Poteva scegliere di realizzare questa storyline come epilogo della serie (per me sarebbe stato bellissimo ed emozionante) ma ha scelto questo momento per farla, e io capisco il motivo, lo capisco davvero, lo so che serviva per Nesta, ma secondo me si poteva arrivare allo stesso risultato in un altro modo, senza spostare l’attenzione sulla Feysand in un libro che non era il loro. Ma questo discorso si collega anche a quello che farò nel paragrafo successivo.

LA FIGURA DELLA DONNA E IL MESSAGGIO (qui ci sono spoiler raga, era inevitabile, non odiatemi)

Questo libro aveva del potenziale assurdo. Nesta poteva lasciare un messaggio importante, poteva diventare qualsiasi cosa. Questo libro parte benissimo, con una donna forte che mette a nudo le sue fragilità, con tre ragazze che imparano insieme a combattere i mostri nella loro testa, che riescono a perdonarsi, a convincersi che sì, anche la loro storia è degna di essere raccontata, che possono sconfiggere il pregiudizio che le circonda, essere delle guerriere e anche di più. E tutto questo è bellissimo. L’amicizia tra Nesta, Emerie e Gwyn è una delle più preziose che la Maas abbia mai scritto, perché è fatta di sfide quotidiane, è genuina e vicina alla storia di ognuno di noi. Attraverso questa storyline la Maas coglie l’occasione per cospargere il testo di piccoli consigli per chi, almeno una volta nella vita, si è sentito come loro, come “ogni Nesta là fuori”: ho adorato la spiegazione delle tecniche Calma-Mente, il focus su quanto il lavoro, l’esercizio fisico e la meditazione possano aiutare in momenti di difficoltà.
Ma poi la Maas mi cade, e mi cade terribilmente, perché dà a Nesta un finale un po’ troppo affrettato e smieloso per i miei gusti, e [scusate ma adesso devono seguire necessariamente SPOILER] perché il messaggio finale è ancora una volta lo stesso: una donna si può dire davvero realizzata quando ha l’amore e il desiderio di fare figli. MA ANCHE NO. Non bastava Feyre? E posso anche accettarlo per Feyre (nonostante questo distrugga sia il suo personaggio, che nel giro di poche pagine passa da “voglio prima godermi la vita” a “unica posa: mano sulla pancia” ma anche ogni logica pur di farlo accadere, perché altrimenti la Maas non era contenta–non si era proprio capito che non vedeva l’ora di scrivere l’ennesima gravidanza), lei è sempre stata family-oriented. Ma Nesta? E così, de botto, senza senso? Poteva farmela finire in mille modi la storia di Nesta, davvero, ma poi mi lascia quella frase che…meh. Perché per una volta sarebbe stato bello se una sua protagonista avesse avuto ambizioni diverse, e Nesta poteva essere quella giusta. A proposito del finale…

IL FINALE, EMOZIONI E CONSIDERAZIONI FINALI

Nell’ultimo quarto di libro succede di tutto e di più — letteralmente — ma la Maas ci ha abituati a questo. Dagli Hunger Games a Nesta che impara ad essere altruista (che carina), a scene assurde che sfidano le leggi di qualsiasi cosa ma che mi hanno fatto piangere fiumi, devo ammetterlo (sono incazzata con loro, ma non so resistere ad un Feyre, darling). L’ultimissima scena è stata molto carina, direi una perfetta chiusura del cerchio, ma se devo considerare il libro in generale, si poteva fare molto meglio.

Non so se è perché ero in blocco o per la delusione, ma questo è il secondo libro della Maas che non sono riuscita a divorare, che mi è quasi pesato dover finire, perché in molte scene mi sono sentita come se stesse accadendo tutto e niente. Mi ha emozionato in qualche scena, ma non ho sentito tutto quel grande coinvolgimento emotivo che c’è stato per gli altri romanzi (anche perché dopo un po’, certe cose diventano prevedibili).

Come vi ho anticipato all’inizio, ho cominciato questo libro con un cuore super entusiasta, e forse era il periodo di slump, forse un po’ sono cresciuta e diventata più critica, e forse la scrittura della Maas è diventata troppo per me, ma non me lo sono goduto quanto avrei voluto — troppe cose mi hanno fatto storcere il naso — e questo mi ha messo una tristezza assurda. Non scherzo, per un’enneatipo 4 che basa la sua identità sulle sue ossessioni (vedi il mio nickname) ha significato anche una crisi esistenziale. Ciò non significa assolutamente che condanno chi il libro l’ha amato (anzi, quanto avrei voluto condividere il vostro entusiasmo!) e anzi, credo fermamente che l’accanimento contro Sarah J. Maas sia spesso insensato: tantissima altra gente scrive romanzi del genere, eppure nessuno gli si accanisce contro in questo modo.

Detto questo: leggerò il prossimo romanzo della serie? Probabilmente sì, o almeno credo che ci proverò, perché in fondo ho ancora tanta curiosità e ripongo ancora qualche speranza in questa storia (che volete, al cuore non si comanda). Poi chissà, magari esce in un periodo in cui sono anche più in mood e meno in blocco. Io intanto abbasso al minimo le aspettative e spero per il meglio. Come già detto sopra: alcuni di questi libri per me hanno significato tanto, quindi incazzatura a parte, non smetterò mai di esserci legata, come è successo per Twilight o i libri di John Green.

Bene gente, mi sa che ho scritto anche troppo. C’erano davvero tanti argomenti da coprire, tante idee da espriemere, e spero di aver fatto il mio meglio per trasmetterle il più chiaramente possibile. Ringrazio infinitamente la Mondadori e Silvia per questa opportunità da sogno, vi ricordo di passare dalle mie colleghe, e spero di ritrovarvi qui al prossimo articolo!

Con affetto e crisi di nervi,

Debs

Pubblicato in: Books, Reviews

Blood & Honey – Review

Hello there, and welcome to what might very well be my last review of this 2020… And could I conclude this year without catching up with the latest installment in the Serpent & Dove trilogy? Of course not! Actually, I’m still trying to figure out why I haven’t picked Blood & Honey before.

First of all:

Some info about the book

Title: Blood & Honey
Author: Shelby Mahurin
Publication Date: September 1, 2020 (in Italia arriva il 25 febbraio!)
Publishing House: Harper Collins
Page Count: 532
ISBN: 978-0062878052
Target: Young-adult (more like New Adult in my opinion)
Genre: fantasy, romance


My Review:

If you know me well, you know that Serpent & Dove (Shelby Mahurin’s debut paranormal fantasy novel) was in my 2019 top tier list. I remember reading an advance reading copy of it and feeling so blessed (pun intended?) by this hilarious, feel-good, steamy love story between a witch and a witch hunter. The thing is: as its sequel — Blood and Honey — got out in the world I was occupied with a different book, and in the meantime people started talking about it: someone positively, someone really negatively . And then I started to worry, because S&D had become a favorite, and I didn’t want to be disappointed by this trilogy.
So: did Blood & Honey disappoint me? Let’s find this out!
‼️There may be some spoilers, so BEWARE ‼️

WORLD-BUILDING:

Let’s start from the world-building. The world in Serpent & Dove was limited to the city of Cesarine — and some other places that were just outlined. One would expect the second installment to explore more of this French-inspired reign: unfortunately, we pass from a very sketchy world-building to one that was taken a bit for granted. New places and folks are introduced in this book, but they are treated as if the reader knows what they’re like, when they had never been mentioned before. That’s not something I give much value in a book where the romance part is clearly the focus, but it still bothered me at times, because some of the new characters — like the loup garoux — were awesome, and I believe that, if better handled, they really could enrich the world in a serious way. The effort to create something more complex in this book is clear, but not always achieved at its best: the new entries had great potential, but their exploration felt rushed if not incomplete and lacking coherence at times.
Apart from this, the atmospheres were incredibly immersive: La Forêt Des Yeux was enchanting to me, and this magic system is always a pleasure to witness. As I said in the first review, the theme of balance in magic is something that really intrigued me about this story, and in this volume it was explored even better: we find out more about the white witches’ patterns and the red witches‘ magic, and especially their consequences. I loved it!
The whole mood is darker in this book–someone didn’t like this aspect, but I found the change in atmosphere really smooth and coherent to the various situations the characters were living. The scenes at the circus made me dream with open eyes and brought a little cheer, the scenes at the red witches’ camp got me chills, but let’s not forget that the premises in this installment are very different from what they were at the beginning of the story, so it’s not weird for the atmosphere to change.

PLOT:

As a lot of people already pointed out, not much happens in this second installment–at least plot-wise: it’s basically journeying in the hope to find some allies while being wanted by the whole kingdom.
I was so afraid that this could somehow affect my involvement in the story, but it thankfully didn’t happen: even though this book may suffer from the ‘second volume syndrome‘, I almost never felt bored while reading, and on the contrary, I devoured both the first and third part in a few hours. If it is a filler book (and trust me, it is) I believe that it has been filled quite good. The only thing that bothered me about the main plot is the lack of a plan: these characters just roam randomly, and even when they say they have a plan, it proves to be incredibly silly.
However, I believe my main problem with this book lies in its second part: there I found more inconsistencies, some minor plot-hole and something that I didn’t quite like in some character arcs. It also felt a bit repetitive and empty.
Nonetheless, I don’t think this book was unnecessary: yeah, right, some may say that the situation at the end of the book is almost the same as it was at the beginning, but I believe that this installment provided some micro-changes in the protagonists that are definitely important for what’s about to come. And let’s not forget that some important characters have been introduced.
There are few plot-twists in this volume, but they all left me gasping. The last two were pretty predictable if one thinks about it, but I found them somehow important to bring the plot to the next installment. It has come to my mind that this trilogy follows the same scheme for every book, always building up to the last 100 pages or so for the “big event”. I don’t know how to feel about this: on one end I really like the order that it conveys, but on the other hand, I think that shaking things up a bit wouldn’t be that bad!

CHARACTERS:

This book was definitely character-driven. If not much happens plot-wise, quite a lot goes on in Lou and Reid’s heads. Where do I even start? I was fascinated by their introspection, by the way they react to the traumas they underwent in the previous book: let’s not forget that they are seventeen, and while their reactions felt a bit childish at times, I found them completely comprehensible. Once I would have rolled my eyes at Reid‘s obstinacy to not want to approach magic, but witnessing where it came from — shiz, that was hard, and so I couldn’t blame him. I do blame him for his jealousy and protectiveness though. Both Lou and Reid undergo so much suffering, and while in Serpent & Dove I probably preferred Lou’s pov, here I think I loved Reid’s more, because it explores so much of his mind and past, especially related to his approach to magic and his idea of family. BUT THE SHIP. THE SHIP. I had forgotten how much this woman is able to make me ship! As I already said in Serpent & Dove, I believe that Shelby is a mastermind in terms of ships. Everything else may also be lacking, but the construction of characters and their relationships will always be my favorite thing about this series. The whole situation in which Reid tries to use magic but then something terrible happens and so he returns to his close-mindedness and Lou suffers because of this and they become more and more distant, accumulating more and more resentment was GOLDEN. Chef’s kiss. I found it so interesting to witness, but above all SO REAL. How many times do we get miles apart from the ones we love due to many micro-factors? I loved how Shelby built all these micro-traumas for the characters and how this shaped their relationship. And how do we pass from this to the resolution? YASSS, gimme angst and arguments and all that comes later when they make peace 😂. But honestly, the dialogue they have when they finally indeed make it up brought me to tears. I will always marvel at the way these two characters interact. And how they seem so real, so relatable in their relationship is so rare. Damn, I will miss them.
But let’s talk about Lou. Lou was so fragile in this installment. No, I don’t think she was out of character: it’s easy to say that when you have only seen one side of her in the first book. Now she’s finally called go confront all the shit that was thrown at her, and so she crumbles, and she crumbles so easily–and that’s the beauty of fragility. I also really appreciated the fact that this book shows us the ways in which she is similar to her mother, and the effects it has on both Lou and Reid. What I did think deserved a better treatment was her “descent into the dark side”. That was such an interesting theme to explore, expecially given where she comes from, but in my opinion it could have been handled way better, because it felt so rushed and random in certain scenes, almost absurd in others. As for the rest of the group… I was expecting to see much more of Beau. I WAS THERE FOR HIM. I wanted to see him grow… But nothing really happens to Beau in this book, except for being the comic relief. Such a waste☹️. My hopes are all for book 3, now.
There’s something about Coco and the weird triangle that I didn’t quite liked in her arc: why choose to make her queer (without exploring the theme of her sexuality, just randomly) WHEN YOU HAD ANSEL. YOU COULD DO THAT WITH ANSEL AND IT WOULD HAVE BEEN PERFECT. PERFECT. PEOPLE WHERE ACTUALLY EXPECTING THAT. But no. Ok. I liked the little confrontation she had with Ansel, and THANK GOD they didn’t end up together, they had less than zero chemistry!
Oh, Ansel. My sweet, precious child. How brave he was in this book. He felt so left out. His arc was a bit predictable in my opinion, but I liked it, and it will definitely shape the future of the story (at least I hope). Of course he didn’t deserve what came upon him, but I’m not mad and I don’t think it was unnecessary. I can see why the author went for this choice. Have I already mentioned I like books that make me suffer?
I would have loved a further exploration of Morgaine‘s character. I think she’s such an interesting villain. The hint at the similarity between mother and daughter in this book gave me chills–it holds such a great potential, I hope it doesn’t go to waste! I love that her plan is always subtle and that she basically plays with her daughter from behind the scenes. And that last scene of hers was powerful. But again, I want to know more about her! I want to know more of the humanity she sacrificed.
Same goes for the king and his relationship with madame Labelle and his children. Gimme more!
Madame Labelle started out as a really annoying character in this book but proved to be the sweetest mom.
But now… Let me fangirl a little about the one and only star of this installment: Claud Deveraux! I KNEW he had to be important, I felt that right from the beginning! Yaaass! And he made me unexpectedly cry? How dare him? Like… All that discourse on how snakes shed their skin… I FELT THAT. Like, attacked. Wow. Thanks, Shelby, for gifting us this man.
And finally… The Dames Rouges. I loved the atmosphere they evoked. Especially Nicholina. And shame on me to have forgotten what kind of characters they were. Shelby managed to foul me one more time!

STYLE:

As I started reading this book, I instantly felt how much I had missed Shelby’s writing style — the Cauldron bless it. It flows so easily that I devoured more than fifty pages in one sitting and that may be little for you, but to me… It didn’t happen in a long time. And I love the way it genuinely makes me laugh. And this time it also made me cry? Like how dare you?
This time, however, I really noticed how similar it is to SJM‘s.

FEELS:

You know it, this book wins for the feels. This book wins for the ship. I can complain about everything else, but if a book makes me cry–it has my heart. And this one made me cry more than once. Perhaps even more than twice. It made me realize how attached I am to those characters. From next book I expect them to become a real squad though, with all those “found family” vibes that would perfectly go with the story of each character.

So… Was I disappointed?
Perhaps by certain aspects, even if I never expected this book to be perfect — I mean, Come on guys, it’s a paranormal romance, and it doesn’t want to be the next nobel prize winner. The thing I’m expecting from this kind of books is entertainment, and from this perspective it hasn’t disappointed a bit–indeed, it even surprised me, and made me ask myself WHY didn’t I start this sooner.
Is it better than the first one? Probably not, if only for the lack of action. But it was so much better than I expected given that my expectations were pretty low. So I can’t say that it was as bad as some reviews pictured it. I can see why some people hated it, but fortunately I didn’t (and I feel super blessed, it would have hurt so much otherwise!)


Thanks for coming to my Ted Talk to my last review for 2020! Sorry for messing up with words (you know, English is not my mother tongue and I’m having more difficulties lately since I’m currently prepping both a French and a German exam, so my mind decided to cancel English.) I hope I was clear enough, and if not, please excuse me!
See you next year, my readers, I hope it is a better one for everyone. ♥️

Pubblicato in: Books, Reviews

The Lives of Saints – Review

Hello court!

Long time no see with a review in English — surprisingly, this year I’ve rediscovered the joy of reading in my mother tongue — but here we are, to rant about one of my most anticipated books of 2020.

I had quite some expectations about The Lives of Saints by Leigh Bardugo — the companion collection of short stories to Leigh Bardugo’s Grishaverse, aimed at giving some background to the world’s Saints — and you’ll see why I believe they weren’t fully satisfied.

But first…

Some info about this stunning edition:

Title: The Lives of Saints
Author: Leigh Bardugo
Publication Date: October 6th, 2020
Publishing House: Orion Children’s Books
Page Count: 128
ISBN: 978-1510108820
Target: Young-adult
Genre: anthology, collection of novellas, hagiography, fantasy.

The plot:

Dive into the epic world of international bestselling author Leigh Bardugo – soon to be a Netflix original series – with this beautifully illustrated replica of The Lives of Saints, the Istorii Sankt’ya, featuring tales of saints drawn from the beloved novels and beyond.


My Review:

So… This can probably be a case of “it’s not the book, it’s me and my expectations”, but still. Beware of spoilers of the previous books!

Let’s rewind to when I first read Shadow and Bone, and as the philology lover I am, I wondered at how this book Alina was given by the Apparat — the Istor’ii Sankt’ya — could be. Of the stories it could contain. So when Leigh announced that she was writing exactly that book (with even a Ravkan cover!) my heart exploded. There, of course, I expected to find all the stories that Alina would have read in Shadow and Bone: the actual lives of the Grishaverse Saints, how they got to become worshipped by the polulation and the tale of their martyrdom. Maybe I also expected to find some answers — especially after the events of King of Scars, and especially from the tales of certain Saints. But that’s not what I got.

Yes, some stories where satisfying and really recounted the events of those lives, and there were some that helped enrich the Grishaverse background, but others were just tales about random miracles that didn’t add anything… And I don’t get the sense? Like, yes, I would have, of only I knew the life of that Saint beforehand. I expected more coherence in this regard. And paradoxically, the stories as they were recounted in the trilogy were more atmospherical than how they felt here. Here they just felt hollow.

And then there are the tales about Sankta Alina and the Starless Saint — in which, I don’t know, I don’t even get the timing? Isn’t it a bit too soon for them to have stories? Is it just me or they make you feel like it’s been many years since their actual stories occurred when it’s not that much time after all? I know that miracles also happen when holy figures are alive, but I don’t know why this seemed like inconsistency to me. Also because it feels strange to consider Alina or the Darkling doing miracles.
And I wanted so much more from the story about the Starless Saint. I wanted answers, I wanted to know HOW it started. That’s so important for what’s about to come. But no, I got nothing. What’s that story supposed to mean?

Leigh’s writing style is always super evocative and I love it, but even from this I expected something different, especially in terms of tones — it’s a book about Saints, not fairy tales! In the end, it didn’t leave me anything, and even the way the stories were narrated seemed a little bit undertone.

I’m not a super fan of anthologies in the first place — it always takes me ages to finish them — but even though I wanted to love this one, I preferred The Language of Thorns: I found it more in line with Leigh Bardugo’ style and it definitely contained more useful information.
So basically, this book could have been really something… But it’s a mere marketing move.

This edition though, with those illustrations, all those details in gold, and that cover in Ravkan which coincides with the one they’re gonna use for the TV show… It might very well be one the most stunning books I own. And let’s not forget that we’re getting an audiobook read by no other than Ben Barnes– hell yes!


And these were my two cents about The Lives of Saints. Have you read it? Were your expectations high about this one?

Either way, I hope you enjoyed my review!

Hope to write to you soon,

Debs

Pubblicato in: Blog Tours, Books

Tenebre e Ossa – Lingue e Culture del Grishaverse

Bentornati nella mia corte, navigatori del Nonmare dell’internet!

Oggi siamo qui per un articolo che non vedevo l’ora di postare — un articolo che mi avrebbe permesso di sfoggiare le mie doti di aspirante linguista e amante della cultura Grisha: quello dedicato all’uscita di Tenebre e Ossa.

Se non sapete di cosa io stia parlando, male!
La saga fantasy del Grishaverse (quella che comprende la trilogia di Tenebre e Ossa, la duologia di Sei di Corvi, la duologia di King of Scars e le raccolte The Language of Thorns e The Lives of Saints) è una delle mie preferite di sempre, nonché una delle saghe fantasy Young-Adult più amate e presto una serie TV per Netflix.
Quando la Mondadori ha annunciato che avrebbero ristampato la trilogia — portata per la prima volta in Italia dalla Piemme ma interrotta dopo il primo volume — l’intera bookcommunity italiana si è fermata per celebrare questo momento.

È per questo motivo che, grazie a Giusy di Divoratori di libri, mi ritrovo qui a scrivere l’articolo che ho sempre sognato di dedicare al Grishaverse.

Come saprete, io sono una studentessa di lingue e culture moderne, e se in un romanzo fantasy ci sono lingue inventate o semplicemente accenni a qualche cultura adoro fiondarmi nel loro studio, provando a capire a cosa possono essere ispirate. Questo giochino mi è stato servito su un piatto d’argento nel Grishaverse, data l’enorme presenza di riferimenti alle lingue e culture del nostro mondo nell’universo creato dalla Bardugo.
Ma prima di immergerci nella pura geografia letteraria, io direi di ricapitolare un attimo alcune informazioni di base.


L’edizione:

Titolo: Tenebre e Ossa
Autrice: Leigh Bardugo
Casa editrice: Mondadori
Data di uscita: 3 novembre 2020
Genere: Fantasy
Target: Young-Adult
Numero di pagine: 240
ISBN: 978-8804717997
Prezzo di copertina: 17,90€
Acquista qui: Amazon


La trama:

L’orfana Alina Starkov non ha grandi ambizioni nella vita, le basterebbe fare al meglio il suo lavoro di apprendista cartografa nell’esercito di Ravka, un tempo nazione potente e ora regno circondato dai nemici, e poter stare accanto al suo buon amico Mal, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata da molto tempo. Ma il destino ha in serbo ben altro per lei. Quando il loro reggimento attraversa la Faglia d’Ombra, la striscia di oscurità quasi impenetrabile che taglia letteralmente in due il regno di Ravka, lei e i suoi compagni vengono attaccati dagli esseri spaventosi e affamati che lì dimorano. E proprio nel momento in cui Alina si lancia in soccorso dell’amico Mal ferito gravemente, in lei si risveglia un potere enorme, come una luce improvvisa e intensa in grado di riempirle la testa, accecarla e sommergerla completamente. Subito viene arruolata dai Grisha, l’élite di creature magiche che, al comando dell’Oscuro, l’uomo più potente di Ravka dopo il re, manovra l’intera corte. Alina, infatti, è l’unica tra loro in grado di evocare una forza talmente potente da distruggere la Faglia e riunire di nuovo il regno, dilaniato dalla guerra, riportandovi finalmente pace e prosperità. Ma al sontuoso palazzo dove viene condotta per affinare il suo potere, niente è ciò che sembra e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le ombre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore. Da questo romanzo la serie Netflix di prossima uscita.


Le lingue e le culture che hanno ispirato il Grishaverse:

RAVKA

Iniziamo dalle basi e dalle cose più semplici: sappiamo tutti che l’azione principale della trilogia di Tenebre e Ossa si svolge a Ravka, la cui capitale è Os Alta. L’autrice l’ha più volte ribadito e di indizi ne è piena la saga: questa parte della geografia del Grishaverse è volutamente ispirata ad uno dei periodi storici più affascinanti, ossia la Russia zarista. Lo si nota dalle atmosfere, dalla descrizione del Piccolo e del Grande Palazzo, dallo stemma della famiglia reale (I Lantsov — che non ricordano un po’ i Romanov?) e da parole ed espressioni come

Moi Zsar/ moya Zsaritsa: mio re/ mia regina (direttamente dalla cultura zarista);
Sankt/Sankta: santo/santa;
Kefta (da kaftan): l’abito indossato dai Grisha;
Kvas: per indicare la vodka, da una parola esistente anche in russo;
Grenatki/grenatye: granata (qui abbiamo una diretta derivazione russa);
Da/net: sì/no;
Istorii: storie;
Dva: il numero due, così indicato sin dalle prime lingue indoeuropee;
Kapitan: capitano;
Soverenyi: sovrano (“moi soverenyi” è il modo in cui ci si rivolge spesso all’Oscuro);
Nichyevo’ya: le creaturine create dall’Oscuro, da nich– che è anche la radice che utilizziamo per parole come nichilismo, ed infatti significa “niente”;
Madraya: madre;
Korol/koroleva: re/regina.

– Parole che contengono -ch– per esprimere un diminutivo:
Malechki (spiritelli), Tsarevich (principe), oprichniki (I soldati dall’Oscuro. Qui il diminutivo mi fa pensare a due cose:
1. Qualcosa come “piccoli seguaci”
2. Un riferimento al Piccolo Palazzo, che è effettivamente il luogo occupato dall’Oscuro e dalla sua armata.E gli опричники furono tra l’altro un esercito privato al servizio dello Zar Ivan IV di Russia) e Sobachka (cucciolo — da “sobaka” = cane in russo).

– La formazione del plurale da parole come Etherealnik che diventa Etherealki.

– Interessante è anche il caso di otkazat’sya (gli “abbandonati”, i non-Grisha) , che sembra avere una connessione con l’inglese outcast.

Potrei stare una vita a parlare solo del Ravkan, ma andiamo avanti con l’altra grande presenza del Grishaverse:

FJERDA

Il nome stesso di questa nazione del Grishaverse “spoilera” il luogo — o meglio, l’elemento geografico — da cui la Bardugo ha preso ispirazione: la Scandinavia, la terra dei fiordi.
Patria del nostro amato Matthias e del un popolo di conservatori, e costantemente in guerra con Ravka, Fjerda è la nazione situata più a nord nell’universo creato dalla Bardugo, ed è infatti caratterizzata da un clima rigidissimo. Non solo simile alla nostra Scandinavia per le temperature, ma anche per la fisionomia dei suoi abitanti, spesso biondi e con occhi e carnagione chiara.
Il nome stesso della loro capitale — Djerholm — denota una derivazione scandinava: molte città del nord Europa terminano proprio in holm. Un esempio? Stockholm.

Ma passiamo alle parole e alle espressioni tipiche fjerdiane, tra cui troviamo
Drüsje, che potrebbe derivare dall’inglese antico dry: mago, stregone. Per chi non lo sapesse, l’inglese e le lingue scandinave derivano da una stessa matrice: il protogermanico. Sarà questa parola collegata in qualche modo al nostro “druido”? Probabilmente.
– Da drüsje si arriva anche a drüskelle, i cacciatori di streghe (e quindi di Grisha, se dobbiamo tradurre il termine in ravkiano).
Questa parola è composta da drüsje + kelle, monema che possiamo benissimo comparare al nostro inglese kill.
– La parola Djel (Dio), pronunciato /diel/
ci dimostra ancora una volta la scioltezza del fjerdan e la sua somiglianza con le lingue nordiche anche sul lato fonetico.
Roëd (rosso) sembra derivare direttamente dallo svedese.
– Nella famosissima citazione inserita in Sei di corviJer molle pe oonet. Enel mörd je nej afva trohem verret” (“sono stato fatto per proteggerti. Solo la morte potrà esimermi da questo giuramento”), troviamo sia il pronome jer, che sembra derivare direttamente dal jeg danese e norvegese, che la parola mörd per indicare la morte (mord in svedese), nonché la negazione introdotta dal ne tipica dell’inglese antico.

Un altro famoso detto fjerdiano è “Wanden olstrum end kendesorum. Isen ne bejstrum” (“L’acqua sente e capisce. Il ghiaccio non perdona”).
Qui troviamo non solo la parola isen che è il corrispettivo di ghiaccio in norvegese e svedese, ma anche il verbo kendesorum, che ci ricorda un po’ il latino ma è caratterizzato dalla radice ken- che ci riporta al danese kende, conoscere. L’inglese know dovrebbe condividerne la radice.
– Sulla mappa di Fjerda troviamo anche un luogo, il “Kenst Hjerte” che non potevo non citare per la parola hjerte, tipicamente scandinava. Appurando che quel kenst abbia la stessa radice del kendesorum di prima, azzarderei “Il cuore della conoscenza” come traduzione di quel luogo, ma potrei benissimo sbagliarmi. (ndr: e infatti si sbagliava. Dopo aver letto The Lives of Saints posso invece affermare che l’espressione fjerdiana Kenst Hjerte significhi cuore spezzato, e, facendo dei tentativi di traduzione, ho scoperto che la parola kenst è legata al norvegese kunst, equivalente dell’inglese shattered).
Isenulf è la parola usata dai drüskelle per indicare i lupi che li accompagnano nella loro vita da cacciatori. Abbiamo già detto che isen indica il ghiaccio, ma ulf non è altro che la parola lupo in danese antico. E il nome stesso di Trassel, il lupo di Matthias, che egli definisce “troublemaker”, deriva proprio dalla parola svedese trassel=problema, complicazione.

SHU HAN

Il territorio (e il popolo) Shu rappresenta l’altro grande nemico di Ravka. Questa nazione conosciuta per il progresso scientifico confina con la terra dei Lantsov, dove invia spesso i suoi mercenari per cercare di catturare i Grisha, sui quali esegue esperimenti per cercare di replicarne la magia.
Lo Shu Han è basato sulla cultura cinese e mongola — andiamo a scoprire qualche parola.

Sheyao: serpente/traditore; (probabilmente derivato dal cinese shé yāo/蛇妖, che significa ghoul/mostro);
Yuyan: lingua (dal cinese yŭyán/语言). Un esempio di frase con questa parola è “shi si yuyan Suli” – il Suli è una lingua morta.

– Un famoso proverbio Shu è “yu yeh sesh / ni we sesh”. Se dovessi abbozzare una traduzione, questa sarebbe “diffida dal tuo cuore / non ho un cuore.”

– Altra parola Shu, che conosciamo grazie alla duologia di Sei di corvi, è parem: senza pietà.

KERCH

La grande nazione di mercanti che ha come capitale Ketterdam, il setting della duologia di Sei di corvi.
La cultura Kerch è palesemente ispirata al mondo commerciale tedesco e soprattutto olandese, con una Ketterdam che rimanda alle atmosfere di Amsterdam e cognomi che ricordano pittori fiamminghi (sì famiglia Van Eck, parlo di te).
Tra le parole di diretta derivazione olandese e germanica, troviamo

Goedmedbridge: Good maiden bridge, letteralmente il ponte della buona donzella;
Ja: sì;
Stadwatch, per indicare le guardie di città (parlo per esperienza soprattutto col tedesco, in cui città si dice Stadt);
Gondel: gondola;
Riddelspel, il “gioco dei cavalieri”. Anche qui, la parola spel (gioco) è imparentata col tedesco Spiel;
Morgen: mattina, a cui si ricollega anche l’inglese morning;
Fentomen: fantasmi;
Vaarwell: addio, collegato all’inglese farewell;
Komedie, per indicare il teatro (la “Komedie Brute” e le maschere che i dregs utilizzano per infiltrarsi);
Enjent: industria (che penso sia collegata alla nostra parola ingegneria);
Jer ven: tu sei (dall’olandese je bent).
– Altri termini famosi includono Ghezen (il dio del denaro) e kruge (che si pronuncia /kriuge/ con la g dura, mi raccomando — e denota la valuta kerchiana).
– Anche la toponomastica, come vi ho spiegato già per Fjerda, rispecchia quella delle città Olandesi, che spesso terminano con il suffisso -dam, dal latino domus (Rotterdam, per non citare solo la capitale).

NOVYI ZEM

Situata ad ovest del Mare Vero e lontana dai conflitti, Novyi Zem è conosciuta per la sua popolazione dalla pelle scura e per i vasti campi dove viene coltivato il jurda. Per molti è considerata un rifugio dove vivere in pace e ricominciare. In questa terra, infatti, i Grisha sono denominati zowa, che significa benedetti.
Tra le tante influenze che hanno ispirato la cultura zemini, fondamentale è la storia delle colonie americane e dell’Australia. Il toponimo Novyi Zem, invece, è ricollegabile all’arcipelago russo Novaya Zemlya.
Tra le parole più ricorrenti nel vocabolario zemini troviamo
– Il verbo combattere: bes adawa;
Can anyene: come va la giornata?

SULI

Art by Kevin Wada

I Suli sono una popolazione nomade proveniente dal nordovest di Ravka, caratterizzata da gente molto devota e prevalentemente da artisti circensi e chiromanti.
Per la loro natura nomade e l’assenza di un vero e proprio stato Suli, questa popolazione potrebbe essere ispirata alla cultura ebraica e rumena. Il loro aspetto fisico, tuttavia, ricorda quello arabo e persiano. In quanto nomadi residenti in Russia, potrebbero essere associati alle popolazioni turche dell’Asia centrale, e soprattutto ai tartari, particolarmente cristianizzati (come sembra dimostrare il personaggio di Inej).

Famosi sono i loro proverbi, spesso ripetuti dalla nostra cara Inej Ghafa:
– “Tutto quello che ti serve è la pancia piena, la strada libera, e il cuore leggero.”
“Il cuore è una freccia. Richiede un obiettivo da centrare con precisione.”
– “Mati en sheva yelu”: questa azione non avrà eco.

In Tenebre e Ossa, la lingua suli è descritta come una sorta di dialetto ravkiano che si presenta molto simile al nostro croato. Nella duologia di Sei di corvi, tuttavia, il suli pronunciato da Inej non sembra avere più tali caratteristiche.
Tra le parole più famose troviamo:

Shevrati: ignorante (‘shav‘ in rumeno designa un uomo non sposato. Potrebbe essere imparentato al nostro ‘schiavo‘, che a sua volta deriva dal termine ‘slavo’);
Kadema mehim: sei abbandonato/dimenticato;
Ne brinite: non ti preoccupare;
Meja: la mia bambina (che sembra avere qualcosa in comune con la forma latinoamericana mija).


Ed eccoci qui, arrivati anche alla fine di questo articolo che mi sono tanto divertita a scrivere. Quanto è bello riuscire ad unire lo studio alla passione della lettura?
Prima di lasciarvi, devo precisare che oltre alle mie conoscenze, per scrivere questo approfondimento mi sono servita del sito Fandom Wikia e del sito ufficiale del Grishaverse.

Ma le sorprese non sono finite qui! Ora non posso far altro che invitarvi a testare le vostre nuove conoscenze nelle mie Instagram Stories, dove inserirò qualche quiz per sfidarvi a dimostrarmi quanto conoscete bene le lingue e le culture del Grishaverse. Domani, invece, ci ritroviamo su Instagram con un post per commentare insieme gli ultimi capitoli di Tenebre e Ossa. Vi ricordo che questo articolo è parte di un Blog Tour, e vi lascio qui il calendario:

Tenebre e Ossa è il primo libro di una trilogia ed è già in libreria dal 3 novembre. Il secondo volume, Assedio e Tempesta, uscirà a gennaio ed è già prenotabile!

Detto questo, io spero di sentirvi presto, ma questo sarà l’ultimo articolo che troverete sul blog per un po’: gli eventi che avevo in programma sono finiti e io penso proprio di aver bisogno di una piccola pausa. Spero che intanto voi possiate passare dei giorni sereni in questo periodo così buio.
Ci ritroviamo presto, mia cara corte!

[Un ringraziamento speciale a Giusy per avermi coinvolta nel progetto e alla Mondadori per aver fornito la copia.

Pubblicato in: Books, Reviews

Gideon la nona – Review Party

Rieccoci con una nuova recensione – l’ultima di questo periodo, e assolutamente in tema con le sfumature dark del mese di novembre.

Oggi, mia cara corte, sono qui per parlarvi di Gideon la nona di Tamsyn Muir, romanzo uscito per la Oscar Mondadori il 17 novembre che potrebbe o non potrebbe avermi stupito parecchio.

Questo articolo fa parte di un evento organizzato dalla mia cara Erika di Spill The Book, che dovreste assolutamente seguire. Vi lascio qui il banner del nostro Review Party consigliandovi di visitare anche le altre Case (capito il gioco di parole?)

Prima di passare alla recensione però, come al solito, vi lascio qualche informazione sull’edizione italiana.

Info sull’edizione:

Titolo: Gideon la nona
Autrice: Tamsyn Muir
Casa editrice: Mondadori
Data di uscita: 17 novembre 2020
Genere: Fantascienza
Target: Adult
Numero di pagine: 456
ISBN: 978-8804723639
Prezzo di copertina: 22€
Acquista qui: Amazon


Trama:

L’imperatore ha bisogno di negromanti. Il nono negromante ha bisogno di una spadaccina. Gideon ha una spada, non ne può più di tutta quella robaccia da non morti in mezzo a cui è cresciuta e vorrebbe sfuggire al destino che la attende: una vita come servitrice e un post-vita come corpo rianimato. E così si prepara a fuggire. Ma la sua nemesi non la lascerà libera senza chiedere qualcosa in cambio…


La mia recensione:

C’erano tante cose che mi aspettavo da questa storia…ma di certo non mi aspettavo che potesse piacermi così tanto.
Ebbene sì, siamo al secondo romanzo in questo 2020 che mi spinge ad andare oltre la mia comfort zone e riesce comunque a sorprendermi.

Gideon la nona è un romanzo che immaginavo più difficile e più lento, ed è proprio per questo motivo che non avevo mai osato avvicinarmici prima: avevo infatti una gran paura che mi portasse ad un blocco del lettore. Quando ho iniziato a leggerlo però devo ammettere che ha avuto su di me un effetto contrario: mi è bastato qualche capitolo per entrare nell’ottica dell’autrice e per rimanere intrigata da una storia complessa sì, ma anche coinvolgente, particolare e sensazionale.

Mi ci è voluto un po’ per comprendere un world-building a mio avviso un po’ troppo dato per scontato, ma sicuramente affascinante: nove case di negromanti, inserite in un contesto spaziale e ognuna con le sue caratteristiche, ma tutte rispondenti ad un’unica autorità. La mia difficoltà è stata più che altro collegata alla comprensione dello spazio, del tempo, del sistema magico e talvolta della gerarchia, ma questo non ha affatto rappresentato un blocco nella mia lettura: l’autrice sa giocare bene con il detto e il non detto, facendo in modo che il lettore sia sempre più incuriosito da tutte le informazioni mancanti e che quindi continui la lettura.

Il tutto è aiutato da uno stile decisamente scorrevole e irriverente: la voce narrante della nostra Gideon non si può descrivere in nessun altro modo se non come uno spasso, e sarà impossibile non affezionarsi alla nostra eroina disperata che — grazie ad uno stile che lascia poca distanza con il lettore — vedremo inevitabilmente come una di noi. È raro che capiti soprattutto con un’opera tradotta, ma ho sentito Gideon davvero come se fosse in carne ed ossa, lì davanti a me, proprio perché per una volta le scelte lessicali sono state esattamente quelle che avrebbe adottato una persona di quell’età, in quel contesto, nei nostri giorni. Un linguaggio vicino ai giovani e senza filtri rende quindi la lettura divertente e ci permette di affezionarci ai personaggi, rendendo più leggere anche le parti più pesanti: è per questo motivo che posso affermare che, nonostante alcune scene siano state più complesse di altre e nonostante l’uso abbondante di parole strane facenti parte di questo mondo di ossa e scienza inventato dall’autrice, il romanzo è riuscito lo stesso a coinvolgermi. La traduzione è impeccabile, se non per il fatto che spesso ricalchi la costruzione inglese della frase. Tuttavia sono state tante le volte in cui mi è sembrato di leggere un’opera scritta in italiano: una sensazione bellissima, rara e che fa trasparire tanto talento da parte del traduttore.

La trama in sé me l’aspettavo più complicata: tutti descrivevano questo libro come qualcosa di mai visto prima, ma io ci ho ritrovato in realtà dinamiche viste e riviste appartenenti a diversi generi, ma sicuramente ben mescolate e ben gestite: il rapporto cavaliere/autorità, la rivalità che evolve pian piano in amicizia e poi in qualcosa di più, il trope della competizione, il mistero da risolvere, le alleanze e le divergenze che nascono per risolverlo. Interessante è stato ritrovare il concetto dell’homo homini lupus, secondo me gestito divinamente, realisticamente e che mi ha portato a riflettere molto sul comportamento dell’uomo in condizioni di sopravvivenza come solo Hunger Games ha fatto in precedenza.

I personaggi secondari (così come la caratterizzazione delle case stesse) mi hanno ricordato leggermente quelli di Kristoff e Kaufman in Aurora Rising: talmente stereotipati da sembrare delle caricature volute. Con questo tipo di personaggi ho un rapporto strano, nel senso che di solito tendo a storcere il naso quando noto la presenza di stereotipi, ma devo ammettere che la caratterizzazione di questi è riuscita a farmi sorridere e anche a farmi provare empatia per alcuni di loro. Ovviamente poi molti di quegli cliché vengono ribaltati e…chapeau. Just chapeau.
Ho apprezzato un sacco lo sviluppo di Gideon e Harrow — la sua negromante — sia come coppia che singolarmente: mi è sembrata davvero realistica, nonostante si tratti di una lettura fantasy. Mi aspettavo che il loro rapporto evolvesse molto più velocemente, ma non mi è dispiaciuto affatto il modo in cui l’autrice abbia deciso di rendere questa ship molto più platonica di quanto mi aspettassi. Non vedo l’ora di approfondire la conoscenza di Harrow nel prossimo romanzo.

Il ritmo di questo romanzo si conferma una bomba, come molti mi dicevano. Non volevo crederci perché le storie un pochino più complesse tendono ad annoiarmi, ma questa volta non è accaduto quasi mai. Alcuni colpi di scena sono davvero mind-blowing come dicono. Davvero, vi avverto, non siete pronti.
Ho adorato la combinazione di più generi, dallo sci-fi al mystery alle punte di thriller, che ha saputo tenermi sempre col fiato sospeso. Ed è stato bellissimo (anche se frustrante) vedere come il finale mette insieme tanti piccoli pezzi di un puzzle che si va formando sin dall’inizio.

Devo dire che a Gideon la nona non manca niente, e questo mi ha sorpreso. All’interno ci troverete emozioni di ogni tipo, e per questo motivo mi ha ricordato una delle mie storie sci-fi preferite: gli Illuminae files.
Come concludere se non con un irriverente “OSCARVÒ, ESCICI SUBITO IL SEGUITO”? [da leggere con la voce mentale che si associa a Gideon Nav].

Seriamente però: quel finale è illegale. ILLEGALE. Mi rimarrà il trauma a vita.


Ed eccoci alla fine di un altro articolo: questa settimana ne è previsto ancora un altro e poi penso che il blog andrà in pausa per un po’.

Ringrazio infinitamente Erika per avermi coinvolto nell’evento e la Mondadori per aver fornito la copia — con un ringraziamento speciale per l’arc.

Pubblicato in: Blog Tours, Books

Alice, Dorothy & Wendy — Il simbolismo e il fantastico in Alice

Salve a tutti, invitati alla mia corte!
Ci ritroviamo ancora una volta all’ora del tè, esclusivamente per la nostra cara Alice.

Questo articolo fa infatti parte di un Blog Tour dedicato al Drago “Alice, Dorothy & Wendy” uscito il 17 novembre (proprio ieri!) per la Mondadori e contenente le storie di Alice nel paese delle meraviglie, Peter Pan e Il meraviglioso mago di Oz.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come vi avevo già annunciato nell’articolo dedicato alla recensione dell’opera, in questo evento organizzato dalla mia amica La Petite Pritt mi occupo della parte del volume dedicata alle due storie di Lewis Carrol: Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio.

Sin da prima di iniziare a leggere i romanzi avevo già in mente il tipo di analisi che volevo fare su quest’opera tanto complessa quanto assurda: volevo focalizzarmi sugli elementi simbolici, perché immaginavo che una storia così particolare sarebbe stata piena di simboli…e Lewis Carrol ha saputo proprio dare pane per i miei denti.
Andiamo quindi a scoprire i simboli più importanti che si celano nel mondo fantastico creato dall’autore: alcuni di essi più universali, altri accompagnati da mie personalissime interpretazioni…e due in particolare, troppo interessanti per essere lasciati lì, saranno contrassegnato inevitabilmente da un avviso di spoiler.

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

1) La tana del coniglio:
La tana del coniglio rappresenta, secondo l’interpretazione di molti, la sete di conoscenza di Alice e il viaggio alla ricerca del sapere. Secondo la mia interpretazione, potrebbe anche simbolizzare il desiderio di evasione dalla realtà quotidiana della protagonista, caratterizzata dalla noia.

2) Le porte:
Ho sempre pensato che Alice nel paese delle meraviglie potesse essere classificato come portal fantasy, a partire dalla tana del Bianconiglio, passando per tutte le porte che Alice vorrebbe attraversare, e chiudendo con lo specchio che è tanto fondamentale nel secondo libro. Le porte simbolizzano, secondo me, la curiosità della protagonista e la scoperta. Da sempre nei romanzi portal fantasy le porte sono sinonimo di cambiamento e di opportunità, e le avventure di Alice non rappresentano un’eccezione.

3) Crescere e diminuire in altezza:
Ben presto Alice si ritrova a dover bere pozioni e mangiare dolci e funghi che le permettono di crescere e diminuire in altezza — la crescita però è incontrollata almeno per la gran parte del libro, e fa sentire la nostra protagonista alquanto a disagio. Tutto ciò rappresenta il passaggio all’età adulta e il periodo della pubertà che Alice sta affrontando, con tutte le complicazioni che ne conseguono.

4) Il giardino della Regina di cuori:
Questo è uno dei miei simboli preferiti. Il giardino, meta inizialmente tanto agognata dalla protagonista, non è altro che un simbolo dell’illusione e del paradiso perduto. Alice fantastica su quanto possa essere meraviglioso quel giardino, ma una volta raggiunto si rende conto di quanto sia finto: le stesse bellissime rose rosse che si trovano al suo interno si rivelavano dipinte.

5) La Regina Di Cuori:
Eccoci finalmente arrivati a parlare dell’antagonista della storia. E cosa può simbolizzare la Regina Di Cuori se non l’età adulta e l’irrazionalità delle regole imposte dagli adulti? La nostra regina si diverte ad ordinare che le teste vengano tagliate, ma i suoi ordini non sono quasi mai eseguiti.

6) Seguire gli ordini:
Sin dall’inizio vediamo Alice compiere qualsiasi azione le sia richiesta: che sia mangiare, bere o eseguire gli ordini del Bianconiglio. Alcuni studiosi suggeriscono che questo sia un chiaro riferimento al modello della “brava ragazza vittoriana”, che sta zitta, annuisce e rispetta ciò che la società le richiede.
Scopriremo poi come la nostra protagonista imparerà a ribellarsi alle regole imposte dagli adulti e dalle autorità e ad agire di sua iniziativa.
Un’altra interpretazione suggerirebbe invece che seguire gli ordini simbolizzi semplicemente la curiosità della protagonista.

7) I confini:
Avete notato come inizialmente il mondo appaia alla protagonista limitato e ricco di confini, e, proseguendo con la storia, questi confini pian piano si annullino? Mi piace pensare che i confini fisici possano rappresentare i confini della mente della protagonista, man mano che Alice passa dal seguire gli ordini, a mettere in discussione le regole, ed infine a capire che tutto è possibile se si crede nelle proprie potenzialità.

8) Il Bianconiglio e il suo orologio:
Si tratta di un’immagine tanto affascinante quanto inquietante, a cui non ho saputo dare una interpretazione certa. Potrebbe però essere una proiezione della paura di perdere il controllo su realtà fisiche quali il tempo (= l’orologio). Voi cosa ne pensate?

9) Lo Stregatto:
Trovo che le figure del Bianconiglio, dello Stregatto e del Cappellaio possano essere accomunate dal rapporto che hanno con la realtà. Nella mia strana interpretazione, se il Bianconiglio ha un rapporto di paura e frenesia nei confronti del mondo in cui si trova, lo Stregatto rappresenta l’accettazione positiva della propria realtà, l’abbracciare la propria condizione.

10) Il Cappellaio:
Il Cappellaio, dal canto suo, secondo la mia libera interpretazione starebbe a rappresentare l’accettazione rassegnata della propria condizione, la routine e il mito di Sisifo.

ATTRAVERSO LO SPECCHIO

Arriviamo quindi ai simboli del secondo volume della storia.

1) I giunchi:
Nel capitolo 5 di Alice attraverso lo specchio, la nostra protagonista si ritrova su una barca a raccogliere giunchi, ma appena questi sono tra le sue mani appassiscono, e la ragazza riflette su quanto quelli più distanti siano invece sempre più belli. Io ho interpretato questa scena come il senso di insoddisfazione, il voler sempre quello che non è nostro e che, immancabilmente , ci sembra migliore. Altre interpretazioni alludono invece alla fugacità dei sogni, oppure alla crescita: a quanto essa avvenga velocemente e quanto i bambini idealizzino gli adulti.

2) Il mondo nello specchio e la scacchiera:
A mio avviso, l’intero secondo volume non è altro che una grande metafora sul rapporto con l’altro, col diverso, con un mondo che non segue le regole del nostro, che dobbiamo riuscire a capire e con cui dobbiamo imparare a convivere.

3) La foresta:
Da sempre la foresta e il bosco sono simbolo di perdizione. Perdersi nella foresta significa perdere sé stessi, e questa è una metafora ricorrente in entrambi i volumi delle avventure di Alice.

4) Il Re Rosso:
Qui ci inoltriamo nell’aria spoiler, quindi fate attenzione se ancora non avete letto l’opera di Carrol.
Il Re Rosso è sicuramente una delle figure che più mi hanno affascinato in questo viaggio. Chi ha letto il romanzo sa bene che la sua figura introduce una riflessione molto importante sull’attività o passività del personaggi di Alice: è Alice che sogna o è Alice ad essere sognata dal Re, che tra l’altro potrebbe essere interpretato come una proiezione del suo gatto?
Questa immagine riflette una visione del mondo che l’autore avrà voluto inserire: quella di Berkley, un filosofo che viveva nella sua stessa epoca e che credeva nell’esistenza dell’uomo in quanto parte dell’immaginazione di Dio.

5) La corona:
Anche qui, attenzione agli spoiler!

La storia finisce con Alice che scopre di indossare una corona e di essere diventata regina. Sarà questa un simbolo del raggiungimento della maturità? Alla fine del viaggio della protagonista, avrebbe infatti senso se la storia si concludesse in questo modo. Tuttavia, notiamo presto quanto, nonostante tutto, la crescita — la corona — continui a non far sentire completamente a suo agio la nostra cara Alice, sottolineando ancora una volta quanto gli adulti possano sentirsi persi tanto quanto gli adolescenti.


Siamo giunti così alla fine di un altro Blog Tour. Spero che il mio approfondimento vi sia piaciuto e vi invito a leggere quelli del mio team.

Ringrazio infinitamente Mic per avermi coinvolta e la Mondadori per aver fornito la copia.

Pubblicato in: Books, Reviews

Alice, Dorothy & Wendy – Recensione di Alice

Buon pomeriggio, mia cara corte!
Oggi posto all’ora del tè, per un appuntamento molto speciale.

Questo post è infatti interamente dedicato ad Alice, Dorothy e Wendy, meraviglioso Drago in uscita per la Oscar Mondadori il 17 novembre. Il prezioso volume in questione conterrà le intramontabili storie di Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio (Lewis Carroll), Peter Pan nei giardini di Kensington e Peter e Wendy (James M. Barrie) e Il meraviglioso mago di Oz (Frank Baum).

Per l’occasione, la mia cara amica e collega Mic di La Petite Pritt ha organizzato un evento ricco di appuntamenti alla scoperta di ogni classico, al quale sono felicissima di partecipare. Vi lascio qui il calendario con le nostre tappe:

Come potrete vedere, io mi occuperò delle avventure di Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio di Lewis Carrol, classico al quale mi sono approcciata per la prima volta proprio per questo evento. Ma prima di riportarvi la mia opinione, lasciate che vi mostri qualche informazione su questa splendida edizione introdotta da una perfezione di Massimo Scorsone.


Info sull’edizione:

Titolo: Alice, Dorothy & Wendy
Autori: Lewis Carrol, Frank Baum, J.M. Barrie
Casa editrice: Mondadori (Oscar)
Data di uscita: 17 novembre 2020
Numero di pagine: 540
Prezzo di copertina: 25€
ISBN: 978-8804723493
Prenota qui: Amazon

Descrizione:

Alice e le sue avventure nel favoloso Paese delle Meraviglie, di là e di qua dallo specchio. Wendy, l’amica di Peter Pan che per molti lettori è la vera eroina dei romanzi con il bambino che non vuole crescere. Infine Dorothy, la piccola protagonista portata da un tornado nel fantastico mondo di Oz. Tre ragazzine curiose e audaci, al centro di tre grandi classici che, ciascuno a suo modo, hanno saputo celare sotto le spoglie del racconto di fantasia messaggi e metafore della vita. Questo libro è l’occasione per rileggere i tre romanzi – “Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie”, “Peter Pan” e “Il Mago di Oz” -, cogliendone la grande modernità.


La mia recensione di Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio:

Parlare di un classico è sempre difficilissimo, parlare di questo ancor di più.

Alice nel paese delle meraviglie è una storia che ho sempre sentito affine a me, eppure, in ventiquattro anni della mia vita, non l’avevo mai letta. Anche con le sue trasposizioni cinematografiche ho avuto un rapporto strano — avrò visto sia il cartone animato che il film diretto da Tim Burton una volta, in TV, senza dargli troppo peso. Certo, è un racconto di cui conosco le citazioni più famose, ma non mi ci ero mai “dedicata”. Per questo motivo, quando ho saputo che Mic stava organizzando un evento per questo Drago, ho colto la palla al balzo e mi sono candidata per recensire Alice, e finalmente recuperare questa mia grande mancanza.

Mi sono quindi fiondata in Alice nel paese delle meraviglie con grande curiosità, ma devo dire che la prima parte non è stata come immaginavo: ci ho messo un po’ per orientarmi, nonostante sapessi a cosa stessi andando incontro. La prima delle due avventure di Alice ha un inizio rapidissimo, e così mi sono ritrovata catapultata nell’azione quando mi sarei aspettata un minimo di contesto. Fatta questa premessa, non ci è voluto molto per trovare degli spunti davvero interessanti, ed ecco che finalmente ho trovato quel che volevo da questo romanzo: il continuo interrogare e interrogarsi di una protagonista che si ritiene cambiata, che crede addirittura di non essere sé stessa, ed è pronta a mettersi e a mettere tutto il mondo in discussione.

La scrittura di Lewis Carrol, come immaginavo, è grottesca e brillante, e spazia tra nonsense e indovinelli geniali. Ho realizzato di non essere una grande fan del nonsense, prevalente nel primo libro. Ho trovato alcune scene troppo assurde, confusionarie e forse addirittura convenienti, però ho apprezzato l’abilità dell’autore nell’utilizzarlo. Devo dire che la sensazione di confusione è stata prevalente all’inizio, e che continuando — non so se è perché ci avevo fatto l’abitudine o perché la storia diventa leggermente più chiara andando avanti — ho trovato la narrazione molto più geniale che confusa.

Il ritmo è serrato, e a differenza di molti classici, la lettura delle avventure di Alice scorre davvero facilmente.
Tra personaggi iconici, strane riflessioni e cambi di scena improvvisi mi sono ritrovata alla fine del primo racconto. Ho adorato le scene che hanno coinvolto il Cappellaio Matto, lo Stregatto e il Bianconiglio, ma avrei voluto che avessero più spazio, e da questo punto di vista mi sono sentita un po’ insoddisfatta. Il finale, tuttavia, mi ha convinto.

Sono passata quindi ad Attraverso lo specchio, da cui non sapevo esattamente cosa aspettarmi, dato che conoscevo ancor meno informazioni su questo secondo capitolo della storia di Alice. Lasciatemelo dire: ho preferito di gran lunga questo secondo volume. Non so se è accaduto perché ormai mi ero abituata allo stile di Carrol, ma una cosa è certa: il concept di Alice attraverso lo specchio è molto più interessante, e le riflessioni che ne derivano sono state molto meno forzate, secondo me. Nel primo romanzo abbiamo visto Alice catapultata in un mondo assurdo, quasi senza logica — in questo libro troviamo un setting che segue la logica dello specchio e un mondo-scacchiera: quanto bisogna essere geniali per scrivere una cosa del genere? Certo, di assurdo ce n’è ancora, ma ne ho trovato di meno, e Alice non vaga più a caso, anzi, credo proprio di poter dire che tutto in questa seconda avventura si muova seguendo un senso preciso (cosa che io adoro in generale).
Anche qui, ho adorato i personaggi secondari, soprattutto Humpty Dumpty, e il finale — che funge un po’ da chiusura del cerchio — mi ha soddisfatto ancora più del primo.
Ultima nota sulla traduzione, che ho trovato buona ma non ottima, se confrontata quella di altre edizioni. Devo ammetterlo: io sono troppo abituata alla traduzione adoperata nelle trasposizioni cinematografiche e non riesco a considerarne altre.

Che dire? È stata un’avventura bizzarra e confusa, non esattamente come l’avevo immaginata, ma che non mi è mai pesata e anzi, è riuscita lo stesso ad intrattenermi un sacco e a farmi passare qualche ora di spensieratezza in questo secondo lockdown.


Per questa recensione è tutto, amici miei, ma ricordate di passare dal resto del mio team e di prenotare la vostra copia di Alice, Dorothy & Wendy. Io vi aspetto per il tè del 18 novembre, il cui tema sarà “Il simbolismo e il fantastico in Alice”!

[Ringrazio infinitamente Mic per aver organizzato questo evento meraviglioso, e la Mondadori per aver fornito le copie.]